martedì 24 maggio 2011

Online il nuovo sito del Comune di Colturano

La nuova versione del sito è QUI, online da oggi. 

sabato 14 maggio 2011

Il bel lavanderino


E dopo la faticaccia del bucato, ci godiamo la merenda.

domenica 8 maggio 2011

Pomeriggio a Rocca Brivio

Due biciclettate nello stesso giorno e c'è chi ancora sostiene che "in questo paese non si fa niente".
Oratorio a san Giovanni al Calandrone e Pro Loco a Rocca Brivio.
Giornata di sole splendido e di vento leggero che ha alleviato un poco la calura (ma ci ha fatto pedalare con più fatica). Un bellissimo giro tra strade di campagna che in gran parte non avevo mai fatto. La Rocca è stata sistemata in questi ultimi anni e non ho potuto vedere la saletta dove io e Adriana abbiamo incominciato insieme il corso di patchwork nel 2002? non mi ricordo più. Lei è diventata insegnante io...sempre allieva sono. Insomma, al di là di questo, ecco qui la foto di gruppo (manca Claudio che se ne è andato prima) e qualche foto.



Lunedi 9 maggio - Adriana mi scrive:
Cara Daniela, ciao.
Ho guardato le fotografie di Rocca Brivio nel tuo blog, sono belle ed ho provato una certa emozione. Il nostro corso iniziato insieme è stato nel 2000 (pensa quanti anni sono passati). E' tanto che non vado alla Rocca, avevo però visto la nostra stanza-laboratorio dopo il restauro, sicuramente più vivibile ma con un po' di fascino in meno, quando insieme a F. (dopo la morte di G.) siamo andate a prendere un po' del suo materiale che era rimasto.

In quelle stanze di Rocca Brivio ho passato tanti pomeriggi, mi ricordo il freddo, l'umidità, la pioggia che attraverso il tetto malandato ci bagnava il pavimento e il tavolo da lavoro, la nostra stufa a legna che faceva sempre un sacco di fumo e scaldava poco.

Sicuramente si stava meglio in primavera e in estate e i ricordi piacevoli sono tanti. Fosca, bravissima insegnante che mi ha trasmesso anche la sua passione per il patchwork, G. che nel bene e nel male ha lasciato il suo segno, la mia Stefy allora piccola che veniva sempre con me insieme a Bobo e poi tante persone che ho conosciuto li e che ancora frequento.

Va bene, però adesso basta con i ricordi perchè se mi lascio andare a queste cose vuol dire che sto diventando vecchia!!! e invece di cose da fare ne ho tante.

venerdì 6 maggio 2011

Da leccarsi i baffi!

La foto è quella classica dove sembro uno spaventapesseri allucinato, ma tant'è, il soggetto principale non sono io, quindi guardate il piatto in mezzo al tavolo. Ieri sera una scorpacciata mega di couscous, tè marocchino e leben (latte fermentato) che non avevo mai assaggiato. Souad cucina benissimo e ieri sera ha invitato i suoi insegnanti di Italiano della scuola serale di Dresano e anche me. Replicherò oggi con la "schiscetta" che mi ha dato da portare a casa ("poco, dammene poco". Saranno 4 porzioni).

domenica 1 maggio 2011

Ce l'ho fatta


Un po' di fifa c'era ma la curiosità di vedere il panorama dalla testa del Sancarlùn è stata più forte della paura e così mi sono aggrappata al corrimano della scaletta e sono arrivata fino a sporgere le mani dalle narici e dall'occhio.



Eccola lì la Stria; posa banalissima con sfondo lago dalla balaustra a 11 metri sal suolo.  (E' tutta gasata perchè è appena scesa da quota 35 metri ).
Una bellissima giornata. La mattina siamo stati al Sacro Monte di Varallo che abbiamo raggiunto con la funivia più ripida d'Europa. Un posto bellissimo intriso di storia e di religiosità che meritava una sosta meno frettolosa. Da rivedere sicuramente.