lunedì 6 agosto 2007

Il carbone di san Lorenzo


Ho trovato questo articolo che mi ha riporato ai ricordi di quando da bambina anche io scavavo nell'orto alla ricerca di qualche pezzetto di carbone....e lo trovavo. Forse succedeva perchè il mio papà buttava la cenere nell'orto o forse......

Ve lo riporto (da : http://www.ilcittadino.it/ edizione del 4 agosto 2007)


Il 10 agosto si celebra la festività di san Lorenzo
Il carbone nell’orto e le stelle cadenti

Due sono i punti di riferimento, scriveva il filosofo Emanuele Kant: “La legge morale che vincola la coscienza e il cielo stellato con l’armonia di tutte le cose create”. Sembra che l’uomo dei nostri tempi abbia perso l’impegno dell’osservanza della legge morale oggettiva per seguire apertamente una morale soggettiva e d’opinione, di proprio tornaconto... e lo stupore, la meraviglia (la Bibbia: “I cieli narrano la gloria di Dio... sole e luna, stella del cielo, freddo e caldo, pesci e uccelli, erbe del prato benedite il Signore”). Basterebbe, per essere concreti, fare un giro sulle spiagge dove la sabbia è rubata al mare per i profìtti del turismo e in montagna, dove boschi e pascoli sono spianati per edificare condomini e ville. Anche il firmamento con l’armonia delle costellazioni si è allontanato dai nostri occhi annebbiati dalle polveri d’oro dei sistemi informatici, digitali, avveniristici, a scapito anche delle relazioni interpersonali. La ricorrenza di san Lorenzo, il 10 agosto, nella cultura contadina delle campagne aveva un sapore particolare, di fedeltà alla terra e ai segni del cielo, legato probabilmente alla fama popolare del giovane diacono avuta nel tempo e al tipico martirio subito: arso sulla graticola secondo la tradizione nella persecuzione di Valeriano (253-260). Al giudice romano che gli intimava di consegnare i beni della chiesa governata da Papa Sisto II, Lorenzo rispose, intrepid,o portandogli davanti i poveri della chiesa di Roma. La sua figura è entrata nella storia dell’arte come soggetto pittorico iconografico molto ricercato e la sua memoria attestata nel canone romano della Messa; bella “la rappresentazione sacra” dedicata al martire di padre David Maria Turoldo, andata in scena a Milano tempo fa. A mezzogiorno in punto, appena il campanone dà il segno della preghiera mariana, ancora oggi nei paesi di Lombardia donne e bambini corrono col badile a vangare nel terreno dell’orto o del campo vicino a casa, per trovare il carbone di san Lorenzo, premurosi che salti fuori prima che finiscano i tocchi sonori. Pia credenza a ricordo del martirio del santo, che lo fa proprio trovare! Probabilmente una volta erano i residui di stufe e camini buttati sul terreno e poi dispersi. Ma oggi con i nuovi impianti di riscaldamento vi assicuro che il carbone di san Lorenzo ancora si trova. La sorpresa l’ho fatta l’anno scorso nell’orto di casa mia, con mio fratello che era corso con il badile. Anche quest’anno ci scommetto, proprio a mezzogiorno, quando suona il campanone della chiesa!?!Ma la sera di san Lorenzo se il cielo è sereno, quante stelle che si affacciano in tremolo scintillìo. E tutti un tempo sulle aie e cortili a puntare gli occhi in alto in attesa delle stelle cadenti a dare spettacolo di scie luminose con allegre esclamazioni di meraviglia. È la pioggia di stelle d’agosto che il poeta Pascoli invocava dal cielo sulla terra, “atomo di male” a ricordo della scomparsa del padre agricoltore, la sera di san Lorenzo per mano di ignoti rimasti impuniti e a purificazione di troppe sofferenze nel mondo.

Don Gianmario Galmozzi

giovedì 2 agosto 2007

"Cadi male ragazzo mio"

Ho appena accompagnato alla porta uno dei tanti venditori di materassi, coperte di lana e prodotti miracolosi per la nostra salute! Voleva dei nomitativi da contattare. "Cadi male ragazzo mio." Inutile dire che se ne è andato dicendomi che sono cattivissima. E' vero, lo sono, soprattutto con chi tratta male i miei MATERASSI DI LANA. IO LI AMO.



Bene, la mia "cattiva" azione della giornata l'ho fatta, posso andare a fare un giro in bicicletta.

(Nella foto: io e mio fratello negli anni 50)